Rapporti sessuali post FIVET: sì o no?

Written by Dr. Pastorella
7 Dicembre 2023

Dopo un transfer è inevitabile che una donna pensi che diminuire l’attività fisica ed evitare i rapporti sessuali aumenti le chance di gravidanza, avendo in testa l’idea di evitare di disturbare l’embrione impiantato. Ma è davvero così? Bisogna evitare rapporti post fertilizzazione in vitro?

Un rapporto sessuale può incidere sull’esito della PMA?

Questa domanda la si è posta fin dagli albori della fecondazione in provetta. Era abbastanza naturale pensare che le contrazioni da orgasmo potessero spostare l’embrione dalla sua sede intrauterina e magari “perderlo” in vagina (o verso le tube). Ragioniamo nel dettaglio su questa possibilità.

Non è così difficile fare uno studio su un argomento del genere: basta che “x” donne dopo il transfer stiano in astinenza sessuale e “x” donne invece abbiano un’attività sessuale regolare. E si va a vedere il risultato.

(Impact of sexual intercourse on frozen-thawed embryo transfer outcomes: a randomized controlled trial – Jin-Wei Hou , Li-Hua Yuan, Xian-Ling Cao , Jing-Yan Song , Zhen-Gao Sun)

Nel transfer da FIVET/ICSI l’arrivo dell’embrione in utero, con il transfer, non è accompagnato da un precedente contatto della vagina e del collo uterino con il liquido seminale. Nella fecondazione naturale, invece, vi è prima il rapporto sessuale, quindi un contatto del collo uterino con il liquido seminale, poi la risalita degli spermatozoi verso la tuba, la fecondazione dell’ovocita e poi il percorso compiuto dall’embrione che arriva in utero circa 5 giorni dopo la fecondazione. Nel transfer che avviene dopo FIVET/ICSI, invece, non vi è questo contatto perché la fecondazione avviene in provetta. Quindi questo mancato contatto dell’utero con il liquido seminale non è naturale.

Le contrazione dell’orgasmo sono quanto di più naturale c’è in natura. Inoltre quando si ha un rapporto che darà una gravidanza, in natura non si ha solo un rapporto, ma mediamente un rapporto ogni 3-4 giorni, quindi è probabile che un rapporto avvenga proprio quando l’embrione, formatosi nel precedente rapporto, sta proprio spostandosi e arrivando in utero, dalla tuba.

Vorrebbe dire che avere rapporti, dopo il rapporto fecondante, è contraccettivo, cioè impedisce la gravidanza. Sarebbe un’ottima soluzione contraccettiva… se funzionasse :-) Invece, di solito, si cercano di avere tanti rapporti proprio per avere una gravidanza.

Mi pare quindi chiaro che, a logica, non ci sia alcuna ragione per vietare i rapporti sessuali dopo il transfer, ovviamente se non vi sono particolari controindicazioni (per esempio le ovaie molto “gonfie” per la stimolazione, la possibilità che vi siano degli ovociti comunque nelle tube, ecc.)

Ovviamente quello che dico riguarda il transfer da scongelato, cioè con ovaie non stimolate. Dopo un pickup, per ragioni chirurgiche, è invece sconsigliato avere rapporti completi.

Quanto bisogna aspettare prima di avere rapporti sessuali post fecondazione assistita?

Dopo un transfer da scongelato si possono avere rapporti anche il giorno stesso e nei giorni successivi al transfer senza paura di influenzare l’impianto.

Il destino di quell’embrione sarà legato alla sua qualità, al suo “scambio di informazioni con l’utero”, alla terapia medica che diamo, ma non alla vostra attività sessuale.

Come affrontare lo stress pre e post fecondazione assistita

Che le procedure di PMA siano altamente stressanti non vi è dubbio. Capisco bene cosa voglia dire stare sedute in sala d'attesa a veder uscire, una dopo l'altra, le altre pazienti tristi, oppure col sorriso, dopo l’ecografia. E l’attesa del test di gravidanza… quei...

La stimolazione ovarica con trigger naturale: Decapeptyl-Fertipeptil

Molte delle tecniche di fecondazione assistita si basano sulla stimolazione ovarica (FIVET e ICSI, ad esempio), ovvero sulla somministrazione di ormoni che aumentano la produzione di follicoli maturi e che permettono di ottenere una buona ovulazione. Ovviamente ne...

Ovodonazione: cos’è e come funziona la donazione di ovuli

Fra le diverse tecniche di fecondazione assistita, quella che da sempre genera più interrogativi è l'ovodonazione, la donazione di ovuli, una tecnica di secondo livello eterologa. Oggi cerchiamo di fare chiarezza su questo trattamento e di rispondere a tutte le...

Articoli correlati

Riserva ovarica bassa e FIVET

Riserva ovarica bassa e FIVET

È sempre più frequente vedere pazienti, anche molto giovani, con bassa riserva ovarica, cioè con un basso AMH (ormone antimulleriano). Oppure hanno, ed è la stessa cosa, una bassa conta dei follicoli antrali (AFC). Ma questo cosa vuol dire? È una causa di infertilità?...

leggi tutto

Disclaimer

Il parere espresso dal dr. Pastorella è ispirato alla domanda della paziente. Viene quindi affrontato l’argomento in modo generico, non conoscendo ovviamente l’anamnesi della coppia e la situazione clinica. Le pazienti devono far riferimento, per il loro caso personale, al Centro o allo specialista che le segue. Non devono modificare spontaneamente alcuna terapia né prendere decisioni su questi generici consigli.

Commenti

6 Commenti

  1. Elena

    Buongiorno dottore, volevo chiederle se in una prima gravidanza all’8pt ci sono state delle perdite pre impianto, queste “obbligatoriamente” ci saranno anche in un secondo transfer ( perché si è portati ad avere perdite pre impianto ) o non è detto e ogni volta il fisico reagisce in modo diverso?

    Rispondi
    • Dr. Pastorella

      Ogni volta in modo diverso… Dipende probabilmente dall’assetto ormonale e da molte variabili che non conosciamo…. Le donne sono fondamentalmente imprevedibili ;-)

      Rispondi
      • Michela

        Buonasera Dottore, il 19 dicembre ho trasferito 2 blasto in 5 giornata ed oggi ho avuto un orgasmo e dopo andando in bagno ho notato delle macchie rosse. Mi devo preoccupare?
        Grazie in anticipo

        Rispondi
        • Dr. Pastorella

          Nessun problema! L’orgasmo non influenza l’impianto embrionale

          Rispondi
  2. Isabella

    Non riesco a rimanere in cinta c’è qualche farmaco che tiaiuta

    Rispondi
    • Dr. Pastorella

      Si, ci sono. ma bisognerebbe sapere bena la sua storia e quella del suo compagno. i farmaci ovviamente non “vanno bene per qualsiasi cosa”. Vanno modulati a seconda delle necessità e dei vostri problemi. Si rivolga ad un Centro Procreazione Assistita. Le daranno il consiglio giusto…

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il parere espresso dal dr. Pastorella è ispirato alla domanda della paziente.
Viene quindi affrontato l’argomento in modo generico, non conoscendo ovviamente l’anamnesi della coppia e la situazione clinica.
Le pazienti devono far riferimento, per il loro caso personale, al Centro o allo specialista che le segue.
Non devono modificare spontaneamente alcuna terapia né prendere decisioni su questi generici consigli.