I tassi di successo delle nostre PMA

Curioso di scoprire quali sono i risultati del nostro centro di fecondazione assistita? Li trovi tutti qui sotto.

FIVET: percentuali di successo nel 2018/2019

  • FIVET/ICSI primo tentativo 44% 44%
  • FIVET/ICSI secondo tentativo 51% 51%
  • FIVET/ICSI terzo tentativo 56% 56%

Percentuale di gravidanze cliniche (quindi ecograficamente evidenziate, non semplici test di gravidanza positivi) su transfer di embrioni eseguiti (sia da fresco che da vitrificazione) al primo, secondo e terzo tentativo di FIVET/ICSI.

I nostri risultati

Gravidanze cumulative nel 2018-2019

Numero di gravidanze da inizio anno 2019

Sopravvivenza degli embrioni
alla devitrificazione (nel 2019)

Numero di cicli di PMA da inizio anno 2019

Numero di ovociti recuperati da inizio anno 2019

Numero di colloqui gratuiti da inizio anno 2019

L’interpretazione dei dati statistici

Bisogna premettere che i dati statistici di un Centro hanno una certa difficoltà interpretativa

E’ chiaro che le statistiche di un Centro dipendono da moltissimi fattori, per esempio:

  • la distribuzione delle età della pazienti che tratta (l’età media delle pazienti del nostro Centro è di 39 anni…)
  • il “tipo” di pazienti che il Centro accetta (se il Centro non accetta “pazienti difficili o critiche” è chiaro che avrà statistiche migliori di un Centro che invece affronta anche casi “disperati”)
  • se trasferisce blastocisti (quinta giornata) oppure embrioni (in seconda-terza giornata). La percentuale di gravidanze con il transfer di blastocisti è molto alta, ma ovviamente sulle pazienti che arrivano al transfer. Diverso sarebbe il dato se calcolassimo la percentuale di gravidanze sulle pazienti che hanno effettuato il pickup, ma che magari non sono arrivate al transfer

E’ quindi chiaro che le statistiche, apparentemente obiettive, sono invece molto difficili da comprendere.

Per esempio nel nostro Centro pratichiamo estesamente la tecnica di “freeze all“. Questo vuol dire che se vi fosse qualche dubbio sulla qualità dell’endometrio al momento del prelievo degli ovociti (per esempio per una immagine ecografica alterata o per un rialzo del progesterone), noi preferiamo congelare gli ovociti e/o embrioni e poi trasferirli in utero il mese successivo.

Nel mese successivo si potrà così preparare adeguatamente l’endometrio cercando di ottenere quindi il massimo risultato: nel primo mese preparare al meglio la risposta ovocitaria, nel secondo preparare al meglio “il letto” degli embrioni, cioè l’endometrio.

PER QUESTA RAGIONE PRESENTIAMO I DATI CUMULATIVI (FRESCO più CONGELATO) che indicano le vere chance di gravidanza di una Coppia

Le gravidanze sono frutto di molti fattori, tra i quali il “tipo” di pazienti che giungono ad un Centro, l’abilità professionale di ogni operatore, la tecnologie di laboratorio, i materiali, l’accurato studio e selezione delle pazienti da portare al prelievo. Infatti nel nostro Centro le pazienti vengono ammesse al prelievo degli ovociti solo quando hanno le condizioni che riteniamo ottimali. Tutto questo ci permette di avere ottimi risultati sulle gravidanze cliniche per transfer eseguito.
Volete un parere veloce?PARLA CON NOI