Quali rischi hanno la ICSI e la FIVET?

Written by Dr. Pastorella
26 Maggio 2019

Che rischi ci sono nella FIVET e nella ICSI? Queste tecniche di fecondazione sono pericolose e possono far male?

Quali sono i rischi per fivet e icsi?

Come per qualsiasi procedura medica, anche queste due tecniche di procreazione medicalmente assistita hanno un rischio, e quindi la tua preoccupazione è comprensibile. In realtà, però, queste tecniche sono ben conosciute e moltissimi studi sono stati fatti da quando hanno avuto inizio, dalla fine degli anni ‘70, rendendole molto sicure.

Rischi Fivet Icsi

Solitamente i dubbi e le preoccupazioni che si hanno intorno a queste due tecniche sono:

  1. l’intervento chirurgico di prelievo di ovociti (con la preoccupazione anche per l’anestesia);
  2. l’utilizzo di ormoni (con la possibile preoccupazione che inducano tumori);
  3. la sindrome da iperstimolazione ovarica.

Rischi prelievo degli ovociti

1) Il pick-up degli ovociti è in realtà una procedura molto sicura. Gli incidenti avvengono in meno dell’1% dei casi. Solitamente sono sanguinamenti e solitamente vengono gestiti in ambiente ospedaliero tenendo sotto controllo la paziente ed eventualmente intervenendo con una laparoscopia per bloccare la fonte del sanguinamento. L’anestesia è una sedazione profonda, senza incubazione, un’anestesia che si riserva proprio agli interventi di pochi minuti di durata. Altri tipi di incidenti chirurgici, per quanto possibili, sono assolutamente rarissimi.

Rischio assunzione ormoni nella fecondazione assistita

2) Gli ormoni che usiamo sono sostanzialmente gli stessi ormoni che producono le donne per indurre al loro ovulazione, cioè l’FSH (ormone follicolo-stimolante). Tutti gli studi fino ad ora non hanno mai dimostrato un evidente rischio di tumori, in queste terapie. Calcola che tua moglie sarà esposta per pochi giorni alla stimolazione, che questi ormoni sono (a più alto dosaggio), ma quelli che lei già produce e che lei stessa produrrà questi ormoni ad alto dosaggio quando sarà vicina alla menopausa. È quindi chiaro che il rischio che questi tumori causino più tumori rispetto alla popolazione “normale” non è logico e infatti negli studi non è mai stato dimostrato.

Il rischio di iperstimolazione

3) L’iperstimolazione è una grave complicanza possibile. Tieni conto che con l’uso di alcuni farmaci, chiamati antagonisti del GnRH e agonisti del GnRh, questa complicanza è “crollata come frequenza” negli ultimi anni, per cui oramai i casi sono veramente sporadici (e probabilmente proprio imprevedibili). Nel nostro centro l’uso oramai routinario di questi farmaci ha eliminato i casi di iperstimolazione ovarica negli ultimi 5 anni.

In conclusione:

– qualsiasi procedura medica ha un rischio che non può essere azzerato.

– La fecondazione assistita è una procedura comunque altamente sicura le cui complicanze sono, per quanto non azzerabili, assolutamente rare. I rischi per ICSI e FIVET sono, quindi, quasi inesistenti,

– Il fatto che nel mondo stiano sempre più aumentando queste tecniche, e che gli studi siano sempre molto tranquillizzanti, dimostra che siamo davanti ad una procedura nel complesso molto ben tollerata e assolutamente poco rischiosa.

Vaccino Covid-19: il rischio di trombosi è aumentato dall’uso di pillola contraccettiva o dalle terapie di PMA?

Amo essere pratico. Non mi piacciono le cose non dette chiaramente. Vado, quindi, subito alle conclusioni. Allo stato attuale delle nostre conoscenze non vi è alcuna controindicazione a vaccinare contro il COVID19 chi usa la pillola contraccettiva (o che faccia una...

Vaccino Covid-19 in gravidanza: è sicuro?

Non c’è dubbio che la gravidanza, o la possibilità di essere in gravidanza, crei molti dubbi nelle donne per quanto riguarda l'opportunità della vaccinazione anti covid.  È vero anche che spesso, per una giusta questione di prudenza (e anche per aspetti medico...

Mancato attecchimento embrionale

Perché l'embrione non si è attaccato all'endometrio? Perché non abbiamo avuto la gravidanza pur trasferendo degli embrioni di grado A? Perché non si è verificata una gravidanza pur trasferendo una blastocisti sana nel trattamento di transfer? Le ragioni del mancato...

Articoli correlati

Disclaimer

Il parere espresso dal dr. Pastorella è ispirato alla domanda della paziente. Viene quindi affrontato l’argomento in modo generico, non conoscendo ovviamente l’anamnesi della coppia e la situazione clinica. Le pazienti devono far riferimento, per il loro caso personale, al Centro o allo specialista che le segue. Non devono modificare spontaneamente alcuna terapia né prendere decisioni su questi generici consigli.

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il parere espresso dal dr. Pastorella è ispirato alla domanda della paziente.
Viene quindi affrontato l’argomento in modo generico, non conoscendo ovviamente l’anamnesi della coppia e la situazione clinica.
Le pazienti devono far riferimento, per il loro caso personale, al Centro o allo specialista che le segue.
Non devono modificare spontaneamente alcuna terapia né prendere decisioni su questi generici consigli.