Come aumentare la fertilità femminile: i consigli degli esperti

da | Apr 21, 2020

Tutti vorremmo avere una gravidanza senza l’aiuto di un centro di PMA, noi lo sappiamo meglio di chiunque altro! Perché tutti non vorremmo dove ricorrere alla medicina o ad interventi di fecondazione assista e riuscirci da noi. Vorremmo che le cose andassero tranquille, in modo naturale e “senza intoppi”.

Aumentare fertilità femminile

Esistono, quindi, dei modi per aumentare le possibilità di gravidanza? Ci sono dei consigli che una donna può seguire per migliorare la propria fertilità e sperare in una gravidanza spontanea?

Certo che sì! Vediamo, quindi, come aumentare la fertilità femminile in modo naturale e sano, senza incorrere nella medicina.

1. Cercare un bambino SUBITO!

Io, scherzando, dico sempre alle mie pazienti che devono andare a casa e cercare di fare un bambino dalle due ore successive all’arrivo a casa. Il messaggio quale è? La fertilità della donna diminuisce progressivamente, ma in modo lieve dai 18 ai 35 anni.

La fertilità dai 35 anni in poi “crolla” e diventa veramente difficile dopo i 40 anni (andate a vedere i nostri risultati, pur essendo noi un Centro d’eccellenza, e vedete come l’età sia un fattore “terribile” anche per la PMA, figuriamoci per la fertilità naturale!).

Quindi non perdere tempo. Fatelo! Avere figli è una cosa meravigliosa. Bisogna vere un po’ di incoscienza e… “buttarsi”.

Se aspettate “il momento giusto” non lo troverete mai.

2. Dieta per migliorare la fertilità femminile

E’ importante una dieta equilibrata. La dieta mediterranea continua ad essere la dieta di riferimento. Non occorre “lanciarsi” in diete specifiche o “fai da te”. Molti studi hanno esaminato il rapporto tra dieta e AMH (ormone antimulleriano).

Negli animali, ma incomincia ad esserci anche qualche segnalazione nell’uomo, una dieta equilibrata con una giusta dose di omega3 induce un aumento dell’AMH. E una dieta equilibrata, senza troppi zuccheri diretti, aumenta la regolarità dell’ovulazione (e quindi del ciclo).

3. Eliminare i vizi per aumentare la fertilità

Eliminate il fumo! Se c’è un argomento medico nel quale ci siano pochi dubbi, è questo! Se fumate andrete in menopausa prima! Se fumate avrete una qualità ovocitaria più bassa! Se fumate, e rimanete incinta, avrete più rischio di patologie del bambino! Per non parlare ovviamente dei danni ai polmoni, alla circolazione ecc…

Quindi… non esistono scuse. Se volete un bambino fate un piccolo sacrificio per lui. Ne sarete ricompensate!

4. Attenzione al peso

La donna è un mammifero e, come tale, si riproduce meglio in un ambiente “normale” e sano dove possa nutrirsi in modo regolare.

  • C’è poco da mangiare (perché faccio una dieta squilibrata, troppo “stretta” o per una patologia, come nell’anoressia)? L’organismo della donna interpreta questo come “vivo in un ambiente nel quale non c’è abbastanza nutrimento quindi non devo riprodurmi”
  • C’è troppo da mangiare (come nelle obesità, diete squilibrate con eccesso di grassi, zuccheri)? Il tessuto grasso produce estrogeni che squilibrano completamente l’assetto ormonale della donna e indicono una anovulatorietà, come nella “sindrome dell’ovaio policistico (PCOs)”

In entrambe queste situazioni il vostro organismo non riesce più a ovulare con regolarità o non riesce a “portare avanti” una gravidanza (poliabortività).

Quindi attenti al peso! Fa meglio a voi, alla vostra mente, al vostro fisco, al vostro bambino

5. Viva l’attività fisica

L’attività fisica è indispensabile per mantenere il peso regolare, perché, come mammiferi, eravate predisposte a muovervi tutto il giorno, non a stare sedute in ufficio.

attività fisica fertilità femminile

Vero anche che l’attività fisica eccessiva (per esempio le ballerine, le atlete che fanno allenamenti agonistici) hanno una dose di grasso corporeo eccessivamente basso (magari con un peso normale perché hanno una importante massa muscolare) e lo “stress” indotto da questa attività blocca l’ovulazione spontanea di questa donne.

Quindi attività fisica regolare e non eccessiva. L’attività fisica deve essere un piacere, un “sentirsi bene”.

6. La giusta dose di sole

La vitamina D è stata studiata ripetutamente nella sua importanza per la riproduzione (naturale o assistita). I dati non sono conclusivi, ma alcuni ampi studi (per esempio questo articolo di Human Reproduction) sembrano mostrare che un livello di vitamina D sotto i 20 ng/ml riducano le possibilità di gravidanza. Se poi si pensa agli altri benefici della vitamina D, non si può che invitare ad stare all’aperto (non fermi sotto il sole, ma in movimento!)

7. L’acido folico

L’acido folico diminuisce nettamente il rischio di alcune patologie malformative del bambino. Ma perché sia efficace deve essere al giusto livello ematico nel momento nel quale si rimane incinta. E’ quindi opportuno prenderlo nei mesi precedenti alla gravidanza.

Tenete conto che l’acido folico non favorisce la gravidanza. Diminuisce però i rischi del bambino di avere delle malformazioni gravi della colonna vertebrale e della testa.

8. Controlli periodici, per l’uomo e la donna

Sono ovviamente molto utili. Per l’uomo di solito è sufficiente un esame seminale, eventualmente con test di selezione. Se il valore del test di selezione è, indicativamente, superiore i 10 milioni di spermatozoi, possiamo ragionevolmente escludere una causa maschile di infertilità.

Per la donna gli accertamenti “di base” sono un po’ più complessi. Una visita ginecologica con ecografia transvaginale, un dosaggio AMH, un controllo delle tube, un dosaggio ormonale se c’è il sospetto, per esempio per cicli irregolari, che non ci sia l’ovulazione. E’ importante però capire che gli esami vanno sempre fatti con una certa logica. Per esempio…

  • Se c’è una grave patologia del seminale (e quindi dovremmo usare una tecnica FIVETICSI) è inutile fare un controllo delle tube, perché con questa tecnica che le tube siano aperte o meno non cambia).
  • Se l’età della donna è sopra i 38-39 anni, probabilmente la tecnica di PMA migliore è una FIVETICSI (perché è la tecnica che offre maggior risultato data l’età).
  • Se c’è un grosso fibroma uterino, e l’età della donna è superiore ai 39 anni, per esempio potrebbe essere opportuno procedere ad una FIVET-ICSI, prelevare gli ovociti, fecondarli e congelare gli embrioni. Poi procedere all’asportazione del mioma e alla stop di 6 mesi/1 anno tra l’intervento e la successiva gravidanza. In questo modo si ottimizza l’età della paziente (perchè il congelamento embrionario non danneggia assolutamente gli embrioni, noi abbiamo una sopravvivenza del 100% da molti anni)

fertilità femminile

9. Integratori per aumentare la fertilità femminile? Funzionano?

Allora….

  • se l’idea è di migliorare la qualità ovocitaria i dati scientifici non sono molto chiari. Probabilmente alte dosi di integratori antiossidanti potrebbero migliorare il DNA contenuto negli ovociti. Ma, così come per gli integratori maschili, questo non aumenta la fertilità naturale. Questi integratori possono essere d’aiuto durante le tecniche di PMA, quando noi andiamo a manipolare direttamente gli ovociti presi al pick-up.
  • se l’idea è ripristinare l’ovulazione diciamo che l’inositolo è l’unico integratore che, nelle donne obese con policistosi ovarica (PCOs) può avere un qualche effetto. Nel senso che in qualche mese di assunzione tende a regolarizzare il ciclo (solitamente le PCOs hanno un ciclo “lungo”, diciamo di 35-45 giorni, che l’inositolo tende a riportare vero i 28- 30 giorni)

L’importante è, come sempre, non perdere tempo. Questi integratori non vanno presi perché tanto “male non fanno”. Vanno presi se si ritiene che siano utili data la situazione della paziente. Per esempio per cercare di regolarizzare il ciclo in una paziente con diagnosi di policistosi ovarica. E per non più di 3-4 mesi. Se il ciclo non si è regolarizzato va sospeso e si passa a terapie mediche.

In conclusione…. E’ giustissimo cercare di risolvere il problema senza la medicina, ma per non più di 6, massimo 12 mesi. Se si supera questo tempo sono più le possibilità che perdete per l’età che passa che quelle che guadagnate per ogni mese. Quindi, come sempre, oramai lo avrete capito :-)

NON PERDETE TEMPO.

Volete un parere veloce?PARLA CON NOI