Clomid e Gravidanza: cos’è, funzionamento e effetti collaterali

Written by Dr. Pastorella
29 Aprile 2017

Il Clomid®, cioè il citrato di clomifene, è un farmaco molto conosciuto che si può facilmente usare anche in regime ambulatoriale. Nella donna, causa un temporaneo aumento dell’FSH, l’ormone che induce l’ovulazione. L’aumento di quest’ormone induce la maturazione di più follicoli, invece che l’unico follicolo che crescerebbe in condizioni naturali.

Clomid

Uso del Clomid per stimolare la gravidanza:

Il Clomid© andrebbe quindi usato quando non vi è ovulazione oppure se si vuole indurre una (moderata) pluriovulazione. Allo stato attuale delle nostre conoscenze il Clomid:

  • non dovrebbe essere usato per più di 6 volte (indicazioni del NICE 2016);
  • va usato sotto stretto controllo ecografico, per controllare il numero di follicoli in crescita e quindi ridurre il rischio di una plurigemellarità;
  • addensa il muco sul collo dell’utero, quindi tende a rendere più difficoltoso il passaggio degli spermatozoi verso le tube;
  • rende più sottile l’endometrio, quindi non favorisce l’attecchimento dell’embrione;
  • va usato dopo aver verificato che le tube siano aperte e che il seminale sia normale.

I centri di fecondazione assistita che utilizzano abitualmente e direttamente l’FSH (quell’ormone che viene aumentato indirettamente dal Clomid®) lo utilizzano solo in pazienti amenorroiche particolari (solitamente le policistosi ovariche) e sotto strettissimo controllo ecografico, perché l’uso “a casa” del citrato di clomifene è una delle cause più “classiche” di plurigemellarità.

In pratica, prima di iniziare ad assumerlo bisognerebbe sapere se le tube ed il seminale sono normali. Per verificarlo ci si può sottoporre ad una sonoisterosalpingografia, un semplice esame ambulatoriale per controllare lo stato di salute delle tube.

Inoltre, se sei una paziente con mestruazioni normali e quindi con ovulazione, indurre una pluriovulazione non avrebbe un’indicazione precisa perché comunque la tua ovulazione è presente ed il Clomid ha l’unico scopo di fare ovulare (o pluriovulare, a seconda del dosaggio e della tua risposta ovarica). Quindi è un farmaco utile, ma che andrebbe usato:

  1. non “a caso”, ma solo se vi fosse un problema di ovulazione;
  2. non più di sei volte;
  3. sarebbe meglio venisse usato assieme all’FSH, per evitare gli effetti collaterali di addensamento del muco del canale cervicale e l’assottigliamento endometriale.

Come affrontare lo stress pre e post fecondazione assistita

Che le procedure di PMA siano altamente stressanti non vi è dubbio. Capisco bene cosa voglia dire stare sedute in sala d'attesa a veder uscire, una dopo l'altra, le altre pazienti tristi, oppure col sorriso, dopo l’ecografia. E l’attesa del test di gravidanza… quei...

La stimolazione ovarica con trigger naturale: Decapeptyl-Fertipeptil

Molte delle tecniche di fecondazione assistita si basano sulla stimolazione ovarica (FIVET e ICSI, ad esempio), ovvero sulla somministrazione di ormoni che aumentano la produzione di follicoli maturi e che permettono di ottenere una buona ovulazione. Ovviamente ne...

Ovodonazione: cos’è e come funziona la donazione di ovuli

Fra le diverse tecniche di fecondazione assistita, quella che da sempre genera più interrogativi è l'ovodonazione, la donazione di ovuli, una tecnica di secondo livello eterologa. Oggi cerchiamo di fare chiarezza su questo trattamento e di rispondere a tutte le...

Articoli correlati

Riserva ovarica bassa e FIVET

Riserva ovarica bassa e FIVET

È sempre più frequente vedere pazienti, anche molto giovani, con bassa riserva ovarica, cioè con un basso AMH (ormone antimulleriano). Oppure hanno, ed è la stessa cosa, una bassa conta dei follicoli antrali (AFC). Ma questo cosa vuol dire? È una causa di infertilità?...

leggi tutto
Rapporti sessuali post FIVET: sì o no?

Rapporti sessuali post FIVET: sì o no?

Dopo un transfer è inevitabile che una donna pensi che diminuire l'attività fisica ed evitare i rapporti sessuali aumenti le chance di gravidanza, avendo in testa l'idea di evitare di disturbare l'embrione impiantato. Ma è davvero così? Bisogna evitare rapporti post...

leggi tutto

Disclaimer

Il parere espresso dal dr. Pastorella è ispirato alla domanda della paziente. Viene quindi affrontato l’argomento in modo generico, non conoscendo ovviamente l’anamnesi della coppia e la situazione clinica. Le pazienti devono far riferimento, per il loro caso personale, al Centro o allo specialista che le segue. Non devono modificare spontaneamente alcuna terapia né prendere decisioni su questi generici consigli.

Commenti

2 Commenti

  1. elisa

    buongiorno,
    la mia ginecologa mi ha consigliato di provare clomid per un paio di mesi, dal momento che da circa 7 mesi sino alla ricerca di una gravidanza e non sono più giovanissima .
    in questi mesi per aiutarmi ho utilizzato gli stick per l ovulazione e a quanto ho notato ovulo ogni mese anche se sempre in modo diverso.
    potrebbe davvero esserci utile clomid?
    sono perplessa dal fatto che a quanto ne so induce l ovulazione ma io ovulo, e inoltre va usato sotto controllo medico e la mia ginecologa mi ha detto di prenderlo in autonomia. grazie

    Rispondi
    • Dr. Pastorella

      Gentile Elisa, in realtà sono abbastanza d’accordo con lei. Il clomid viene usato spesso come “un modo per prendere un po’ di tempo”, scelta che comunque potrebbe essere ragionevole visto che sono pochi mesi che state provando ad avere una gravidanza. Chiaro che in una paziente che già normalmente ovula, il clomid non fa ottenere reali vantaggi. Probabilmente a dosaggio basso si può anche non effettuare monitoraggio ecografico, anche se io comunque preferisco sempre effettuare controlli ecografici perché la risposta ovarica può essere molto soggettiva…

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il parere espresso dal dr. Pastorella è ispirato alla domanda della paziente.
Viene quindi affrontato l’argomento in modo generico, non conoscendo ovviamente l’anamnesi della coppia e la situazione clinica.
Le pazienti devono far riferimento, per il loro caso personale, al Centro o allo specialista che le segue.
Non devono modificare spontaneamente alcuna terapia né prendere decisioni su questi generici consigli.